giovedì 30 dicembre 2010

martedì 28 dicembre 2010

L'ombelico del mondo.

Shake shake baby.
Questo video è troppo carico
e poi essendo africana
mi stà particolarmente a cuore.
Listen and shake!

domenica 26 dicembre 2010

Partire o restare?

Ascolta la lista del fare di Renzo Piano.
Ascolta bene l'ultima domanda.
Sono d'accordo pienamente con lui.
Partire o Restare?
...partire per conoscere, per curiosità verso il mondo, non per disperazione,
partire per conoscere sè stessi...

sabato 25 dicembre 2010

Basta chiederti cos'è il Natale! Mangia sù e taci!

Eccoci...permesso?
Entriamo a casa della bimbetta che è qui sotto...
che poi è la stessa che è ritratta qui sotto modello zia-mostro...
che poi è la stessa donnina che stà alla sx della foto qui sotto...(cresciuta èh?)
...comincia così, il 23 Dicembre, una serie di preparazioni gastronomiche
per celebrare il Natale 2010.
Decidiamo il menù tra noi amichette come direbbe il nonno Franco :)
Io faccio la torta salata che l'anno scorso l'hai fatta tu!
Va bene, io allora sbuccio le patate all'ultimo poi le metto in forno, tanto fà prestissimo!
Bene.
Bene.
Bene.
E il bere?
Ci pensano i maschi a quello, come alle feste delle medie.

Dai che sono le 20 prepariamo la tavola bellina.

La torta alle pere.
Era già stata ingurgitata per quasi la metà quando le ho chiesto di posare per una foto.

Poi arriva il giorno dopo e praticamente la storia è la stessa.
Dai facciamo anche un primo, i tagliolini al pesto.
ok.
Sandro allora porta i biscotti all'amaretto, quelli che spaccano.
Anche gli scroccadenti che son la fine del mondo.
Bene.
Bene.
Bene.
E il bere?
A quello ci pensano i maschi, come alla festa delle medie.

Dai che son le 19 prepariamo la tavola bellina.

E' NAtale.
Siamo invitati e non si cucina.
Non ho detto che non si sporca la cucina, ho detto che non si cucina.

Basta chiederti cos'è il Natale, tanto non sai la risposta.
Mangia sù e taci!
Tanto và così.
(...oddio domani è s.stefano...)

Merry Christmas

mercoledì 22 dicembre 2010

Gianluca


Lui è l'amico mio.
E' amico di tante persone, ma ognuno parla per sè,
quindi lui è l'amico mio.
E' in evoluzione continua,
come l'uomo del circo che fà le piroette in aria
poi riesce ad afferrare la corda, chissà come,
poi si rituffa nel vuoto,
poi atterra in maniera grandiosa senza un errore di postura.
Gianluca vive molto lontano da qui,
vive in Guatemala.
Vive e crede in quello di cui vive e questa è una gran cosa,
non è da tutti, visto il sistema in cui ci ritroviamo oggi.
Ho avuto il piacere di assistere alla sua evoluzione dal principio o quasi,
il paradosso era che lavoravamo in un posto chiuso, buio e claustrofobico e noi
volavamo via con la mente in qualsiasi parte del mondo,
raccontavamo di idee, progetti, partenze.
Era un leone in gabbia, sentivo la gravità della sua urgenza di muoversi.
Dopo 4 anni è ancora "fuori casa", definizione tra le più sbagliate,
perchè magari si sente molto più a casa laggiù dove è a suo agio
e riesce a tenere la vita per mano.
Ieri l'ho rincontrato,
ha visto mio figlio per la prima volta e ha riabbracciato mio marito.
Un giorno insieme è stato il più bel regalo di Natale.
Ti voglio bene.
Io e la mia famiglia ci saremo sempre per te.
Tutti insieme!

Artista del mese!



www.iangamache.com
Completamente innamorata dei lavori di Ian!



- Father and Son - Cat Stevens

Ecco.
Da che parte stò?
Io sono figlia e sono madre.
Se parlassi a mia madre mi rivolgerei a lei come parla il figlio nel testo della canzone,
Se parlassi a mio figlio mi rivolgerei a lui come parla il padre.

Ma in questo momento mi sento più figlia.
I know.
I have to go.



[padre]
non è il momento di fare cambiamenti,
rilassati e basta, prenditela comoda.
Sei ancora giovane, questo è il tuo problema,
c'è così tanto che devi conoscere,
trovati una ragazza, sistemati,
se vuoi puoi sposarti.
guarda me, sono vecchio, però sono felice

un tempo ero come tu sei ora, e so che non è facile,
stare calmo quando trovi qualcosa per andartene
ma prenditi il tuo tempo, pensa molto
perchè, pensa a tutto quel che hai.
domani tu sarai ancora qui, ma i tuoi sogni potrebbero non esserci


[figlio]
come posso provare a spiegargli? quando lo faccio lui si gira dall'altra parte
è sempre stata la solita vecchia storia.
dal momento in cui potevo parlare mi è stato ordinato di sentire
ora c'è una via, e io so che devo andare
io so che devo andare


[padre]
non è tempo per cambiamenti
solo sietidi, prenditela lentamente.
sei ancora giovane, è questo il tuo problema
c'è così tanto su cui devi pensare
trovati una ragazza, sistemati
se vuoi puoi sposarti
guarda me, sono vecchio, ma sono felice


[figlio]
tutte le volte che ho pianto, tenendomi tutto ciò che sapevo dentro
è difficile, ma è più difficile ignorare ciò
se loro erano nel giusto, io accettavo, ma il problema è che non mi conosci
ora c'è una via e io so che devo dandare via
io so che devo andare

lunedì 20 dicembre 2010

DomeNica BestiAle

E' appena trascorsa una domenica bestiale!
La mattinata tranquilla con i miei due uomini :)
Il pomeriggio creativo a creare PoGo(queste foto che vedi
qui intorno), con un gruppo di gente mica tanto in bolla.

Travèstiti, ma rimani anche così che ogni tanto è meglio.
Scatta una foto.
Stampala con la stampante portatile PoGo.
Aspetta meno di un minuto.
Estrai la mini foto.
Tira fuori l'acetone per le unghie dal mobiletto.
Prendi anche i cottonfioc (come si scrive?)per le orecchie.
Carta vetrata.
Acqua.
Pirografo (attento che brucia!).
Accendino (attento che brucia!).
Inizia a distruggere la mini foto...
Questi alcuni dei risultati del pomeriggio che crea dipendenza.
Che bello.


Questo individuo qui sopra,a destra, con la maschera antigas,
è l'artefice del pomeriggio creativo.
www.gianlucacolagrossi.it

Per non parlare della sera di questa domenica bestiale...
è lui.
il Re della situazione.
Lo adoro come non mai.
Vinicio sei un supereroe!
Poi in questo concerto si esibisce con nostri amici.
Pepe suona l'organetto e si guarda intorno,
poi sorride e chiude gli occhi.
Ascolta le sue note che si incastrano con quelle del vicino.


Vinicio, come muovi la gambetta in questo video,
mi fà morir di allegria!
Che giornata stupenda!
Buonanotte.

domenica 19 dicembre 2010

La Patty.
Bella come il sole.
Ad un certo punto si ferma, ferma la manina che strimpella sulla sua chitarra
alza gli occhi ci guarda, passa lo sguardo su tutti (eravamo pochi)
e ci fà
lo sò, è bellissimo documentare,
fare foto, video...
qui siete tutti fotografi, capisco...
Ma vi ricordo che state vivendo,
è bellissimo anche vivere i momenti,
quindi spegnete tutti quegli aggeggi
e vivete!
Siamo qui insieme, cavolo!
Stiamo insieme!
La Patty.
Bella come il sole.

sabato 18 dicembre 2010

FOtOalBerO e company

Mattia (e la mamma) ha fatto il FOtOalberOdi NaTaLe...
è un pò vanesio, ha appeso solo foto con sè stesso vestito da machobabboNatale,
petto nudo e via.


Che dire...BuonE FestE Amici.
:)

giovedì 16 dicembre 2010

Snow effects

Topi incastrati nel ghiaccio di una bacinella...

Costumi da piscina e accappatoi appesi al filo del bucato immobilizzati dalla neve...

Paesaggi inquietanti, grigi monocromi...

nonostante tutto c'è vita in cortile!
Usciamo allo scoperto e riempiamo di orme la zona circostante.

...e nonostante tutto Mattia non abbandona il suo (mio) spazzolino, fidato amico.

venerdì 3 dicembre 2010

Zoo di lana in trasferta!

Milano!
Lo Zoo Di Lana è approdato a Milano!
Sai cosa?
Ho una fame esagerata.
Per adesso piazza Duomo..non mi interessa.
Panzerotti a chili, ho voglia di panzerotti, unti, pesanti, farciti con ogni cosa.
Li facciamo fuori in tempo zero poi non riusciamo nemmeno a parlarci da quanto siamo intasate!

E' da un tot di mesi che ho il piacerissimo di collaborare con questo team
di donne scatenate, lo Zoo Di Lana.
Una storia stupenda di amore familiare di una mamma per una figlia.
La figlia fa uscire dalla sua mano i personaggi che ha nella fantasia,
li disegna, gli dà nomi, età, una storia e quant'altro.
La mamma li anima e comincia a cucire, a fantasticare a viaggiare con la fantasia
e un giorno si trovano
con un gruppo pazzoide di pupazzi allegri.
La strada fatta fino ad ora è tanta,
ma non abbastanza perchè ne hanno ancora delle belle da scoprire.

I nostri piedi...
quelli della fatina delle nevi, la sottoscritta,che stanno comodi negli stivali
australiani morbidi.
Lei faceva mille polaroid
ai bimbi che passavano e venivano a curiosare tra i pupazzi.
I piedi del capobranco, col tacco super da donna manager super pazza come una mina.
(è il mio idolo di donna).
E i piedi di Francesca, la bimba con la creatività cresciuta a dismisura.
Prepariamoci che è tardi....

Lo Zoo esposto alla Rinascente,
in Piazza Duomo a Milano.


E questo sarebbe meglio ricordarselo.
Il caffè d' oro.
Alza gli occhi dalla tazzina e ti ritrovi con il duomo in faccia.
Una terrazza imbarazzante da quanto è stupenda.
Si capisce anche dai prezzi.
Il caffè è l'unica bevanda che possiamo permetterci...
anzi no, andiamo fuori budget ragazze.

Marco, uno dei tanti amici pazzi da legare.

Rudolph e Luisa sono sposati.



Angelo ha un compagno dolcissimo,
qui non c'è, è timido.
Sfugge alle foto!

Chiuso CAUSA maratona

domani ci aspettano 10.000 pazzi maratoneti da fotografare,
anzi, domani siamo noi che aspettiamo 10.000 pazzi maratoneti da fotografare.
Oggi c'è il sole, è stupendo tutto, è stupenda la città come ogni volta.
Ma chi si poteva aspettare una bufera di pioggia e neve l'indomani della gara?
Mannaggia a noi, anzi a loro che sono ancora più svitati e partono lo stesso alle 9 di mattina.
Mettiti le calze sotto ai pantaloni, quelle di lana, quelle che fanno rabbrividire la Susy.
Indossa i doppi calzini,
che quando cammini, dopo 5 minuti, con gli stivali da alluvione,
loro son già sulla punta del pollicione e tu li maledici.


Affascinanti 20 cabine WC in Piazzale Michelangelo.
Così, che proprio si affacciano alla città senza pudore.




"Causa Maratona" è un' affermazione pesante.
Ci sentiamo quasi in colpa.
Se scrivevano "Causa Bufera di pioggia" forse suonava meglio.

I fotografi devono riacquistare la circolazione sanguigna
e l'uso delle articolazioni dopo 5 ore al gelo a scattare a degli esseri umani che passano
in degli stati allucinogeni catatonici.
Il tè mi sembra un buon compromesso.
Il tè scalda.
Poi ancora non sapevano del bel viaggetto che li avrebbe aspettati...
per una volta che eravamo vicini a casa (per modo di dire)
abbiamo impiegato più tempo che prender l'aereo da forlì e andar verso Londra.

Autostrada A1...una bellezza di lastra di neve e ghiaccio.
Una bellezza di noia di 5 ore.
Sai cosa?
Chissenefrega.
Io dormo.
Miraccomando stai attento alla guida.
Ciao.

giovedì 2 dicembre 2010

Ribollita o Kebab? (Holga o Polaroid?)


La mia Holga o la mia Polaroid Image2 (che qui nella foto è insieme alla sua amica 1200, perchè domani mattina partono per Milano a fotografare..poi vedrete che razza di bizzarrìa..)?

sul grande dilemma io voto
tutte e due.
tu?




Ribollita o Kebab (che dopo un week end di lavoro a Firenze la ribollita ribolliva e io avevo bisogno di emozioni forti e mi son mangiata subito un Falafel Kebab)?

sul grande dilemma io voto
tutti e due.
tu?